Le Dolomiti

Sono là da milioni di anni. Aspettavano solo di essere recensite

Innanzitutto: le Dolomiti non vanno dalla Liguria a Trieste e non è che se dici Alpi dici Dolomiti e viceversa, questo per chiarire. Le Dolomiti vanno dalla provincia di Belluno a quella di Pordenone, fine.

 

Secondo: il nome viene da Déodat de Dolomieu che nel 1700 studiò la roccia predominante nella regione e le diede il suo nome (fortuna che non si chiamava Déodat de Cagoun): la chiamò quindi dolomia, che è più semplice che ricordarsi la composizione chimica del minerale dolomite (MgCa(CO3)2).

 

Che dire? Per essere delle formazioni rocciose sono molto belle.

 

Vantano indiscusse solidità e affidabilità: hanno superato indenni glaciazioni, guerre e pestilenze quindi come usato garantito non le batte nessuno. Non sono inclini alla conversazione amabile, sono fredde di carattere e non amano spostarsi. Offrono però un gradevole senso di sicurezza, che non va mica male.

 

Il giudizio finale è: geologicamente molto interessanti, grazie al loro grigio neutro si abbinano a tutto. Meglio se servite calde e con accompagnamento di crema inglese.
Se vi offrono permuta con Appalachi o Ande accettate, ma non transare con Urali, Sierra Nevada o Colli Berici.

IT
EN IT

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.