L’inno della Serie A di Giovanni Allevi

Mi sembra adeguato alla serie A

Non so perché ma al primo ascolto dell’inno della Serie A di Giovanni Allevi ho pensato fosse la sigla dei Looney Tunes. O di un episodio sconosciuto di Guerre Stellari. Comunque una roba da film.

Per Allevi non ho né simpatia né antipatia. Non mi piace la sua musica e lui mi sembra un personaggio dei fumetti. Non c’è niente di male ad assomigliare a Telespalla Bob ma almeno lui aveva un piano criminale dichiarato: uccidere Bart Simpson. Allevi è più subdolo, non si capisce bene che piano diabolico stia architettando.


Allevi compone la musica che piace e che fa credere a chi la ascolta che la musica classica non sia poi tanto male. Non è difficile da ascoltare dai, pensavo peggio.


Allevi e io e molti altri condividiamo un destino: siamo sullo stesso pianeta. Per questo posso serenamente ignorare la sua esistenza. A parte quando guardo la tv e uno spot di una banca è accompagnato dalla sua musica. O quello dei pannolini. Allevi va un po’ bene per tutto no? Compone musica da ambiente, nel senso che si stempera nell’aria e non resiste ad alcuna conversazione cui sia da sottofondo: la senti e non ci badi.


Ma non in questo caso. Nel caso dell’Inno della Serie A Giovanni ha voluto fare una cosa che pompava di bella. E si sente. Niente pianoforte asmatico ed esistenzialista. Archi pieni, fiati squillanti, coro corposo che dice cose che mi piace pensare siano in latino e che la curva sud intonerà con sguardo fiero. Non avendo idea di cosa dica quella strofa. Forse non ha nemmeno un significato, forse manco è in latino.


L’inno si chiama “O Generosa!” e quindi suppongo sia in italiano. Non voglio indagare. Ho visto il video e ho pensato che era, come già detto, un sigla dei Looney Tunes e poi che era breve (bene) e che nel finale Allevi lancia lo spartito in aria, come se fosse troppo esplosivo e geniale per resistere alla gravità terrestre e starsene buonino sul leggio. Oppure facendo solo quello che ti aspetti da Allevi: fare il genio che fa cose pazze ed estrose. “Fare il genio”, non esserlo.

Ma poi ho anche pensato — sai Giovanni cosa ho pensato? — che Allevi ha fatto esattamente quello che doveva fare.


Ti commissionano l’Inno per il campionato di calcio italiano. Cioè, mica per il Convegno Mondiale dei Dodecafonici o per il Congresso dei Nichilisti Escatologici.



Cioè, cosa si aspetta la gente? Si aspetta roba forte, che spacca. La gente ascolta il Liga e Skrillex, mica Luigi Nono. E ha visto molti cartoni animati. Gli fai una cosa che sembra la sigla di Willy Coyote e ci metti delle parole che dicono cose incomprensibili ma intonate baritonalmente o sopranamente. La gente capisce questa roba. È l’Inno della Serie A, che t’aspetti?

Palla al centro. Calcia Allevi. Bravo Allevi. L’inno è brutto, ma è quello che ci voleva.

IT
EN IT

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.