Martin Parr: letto fra le righe

Il fotografo inglese usa una grammatica visiva semplice per dire cose complesse. Facendole vedere.

 

 

La prima volta che vidi una foto di Martin Parr non ricordo se restai più stupito per la foto in sé o per il fatto che Parr facesse parte di Magnum. Forse entrambe le cose.
Per chi non la conoscesse, Magnum è la più importante agenzia fotografica al mondo. La più storica, forse non la più grande, forse quasi marginale in termini economici eppure quando dici “Agenzia fotografica” pensi subito a Magnum. Magnum è la metonìmia delle agenzie fotografiche.

Ha raggiunto questa meritata fama perché a fondarla furono Henri Cartier-Bresson assieme a Robert Capa, David Seymour, George Rodger e altri e perché si è sempre distinta per l’audacia dei reportage — spesso di guerra — e per la sublime e composta eleganza delle sue fotografie. In altri termini, la qualità iconografica delle foto di Magnum è sempre stata superlativa.

Se guardi le foto di Parr non hai l’impressione che l’estetica sia il suo cruccio principale. Ecco perché mi stupì sapere che invece quella congrega quasi monacale di fotografi che è Magnum l’aveva accolto. Un’altra caratteristica di questa agenzia è infatti quella di essere gestita dai suoi stessi membri che si riuniscono annualmente a Parigi e che hanno anche uffici a New York, Londra e Tokyo. Fra di loro eleggono un presidente e sempre loro decidono chi può fare pratica al loro interno e chi può diventarne membro. La struttura è quella di una cooperativa in cui i membri hanno anche incarichi dirigenziali o funzionali e, particolare interessante, che continuano a mantenere il copyright sui loro lavori che non viene quindi mai trasferito all’agenzia né alle testate su cui appaiono.

Se però si indaga nel programma dei padri fondatori, si capisce che l’elemento attorno a cui ruota la visione di Magnum è la curiosità per il mondo e il rispetto con cui viene descritto in termini visivi. In altre parole, un fotografo Magnum deve saper raccontare la realtà con il suo particolare timbro visivo stimolato dalla curiosità. I fotografi Magnum appartengono a un collettivo nel quale le individualità non si diluiscono ma anzi, vengono rispettate ed esaltate dal confronto.

In questo senso Parr c’entra con Magnum, e anche molto.

Continua a leggere su Inutile

Foto di Vitor Cohen.

 

__
Leggi anche:

La macchina fotografica non è morta

Nel 2017 sono stati scattati 1.2 trillioni di foto con il cellulare. Questi numeri stanno ancora crescendo ma la macchina fotografica è lungi dall’essere morta

Good Old Photos

Digital photography brought us a lot of details. What we are missing now are the ones our imagination added looking at a printed photo

Venezia non dovrebbe esistere

Venezia in bianco e nero e la rivelazione delle sue più potenti particolarità

IT
EN IT

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.