Il tempo e il quadro

E come consumiamo le immagini, oggi

 

La mostra di Courbet a Palazzo Diamanti a Ferrara mi ha fatto pensare alla fotografia digitale e a come consumiamo (letteralmente) le immagini oggi. Ne abbiamo una tale abbondanza che vi dedichiamo pochissimo tempo e soprattutto vi diamo ormai un valore quasi nullo. Ci sono, sono miliardi, non valgono niente.

 

Ci pensavo cercando di immaginare quanto ci avrà messo nel 1869 Courbet per scegliere quelle 8925 variazioni di rosa antico che vira al ruggine e poi al piombo del cielo o la tonalità di inchiostro che sfuma nel petrolio e nel nero assoluto del mare. L’avrà fatto automaticamente, certo, inseguendo un sentimento e traducendolo visivamente. Dando sostanza a un’immagine mentale magari, chissà. Ma il punto è che puoi tentare di capirlo solo avendo davanti l’originale e dandogli il tempo di mostrarsi, mentre ti rende un po’ del tempo che Courbet ci ha messo a dipingerlo.

 

Questa è la magia di alcuni quadri: che imprigionano anche il tempo e te lo rendono. Ma devi guardarli dal vero, anche perché — cosa che non tutti sanno — i display sono definitissimi e hanno milioni di colori ma non rendono tutta la gamma di quelli che un supporto fisico riesce a rendere. In altre parole la foto che ne vediamo è mancante di alcuni colori e quindi non è una fedele riproduzione della realtà. Non rende inoltre lo spessore dell’olio e quella certa caratteristica plastica che imprigiona — ancora una volta — il tempo in una sua sostanza fisica.

 

L’olio è tridimensionale mentre il tempo è monodimensionale, ha una dimensione, è una dimensione. Ma diventa visibile in più dimensioni nell’arte (poche altre cose lo rendono visibile altrimenti, forse solo l’amore o la memoria).

Soprattutto però l’immagine digitale non incorpora il tempo: quello che è richiesto per apprezzare certe cose, quello che impiegò l’artista a dipingerlo e soprattutto quello che ti restituisce.

 

Guardare meno, guardare meglio, guardare le cose nella loro forma e sostanza originarie.
La foto digitale è come un discorso riferito in terza persona: dà un’idea ma non dice esattamente. E spesso genera confusione.

 

 
 

__
Leggi anche:

Di cosa parliamo quando parliamo di creatività

Significa più o meno non fare mai la stessa cosa per più volte

Il senso della vita

Un titolo ambizioso

Sull’educazione

Vecchi e nuovi modi di educare

IT
EN IT

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.