Title

Musica

Excerpt

Date

Text

Dicono che bisognerebbe diffidare di un cuoco magro e, aggiungo, anche di chi è indifferente alla musica. La mia non è una critica: non è sbagliato non ascoltarla così come il farlo non è indice di virtù. Dico solo, da ascoltatore, che guardo con sospetto chi non l’ascolta. Fatti miei.

La musica è una parte integrante della mia vita ed è anche una delle prime forme di alterazione dell’umore che impariamo a conoscere. Poche altre cose o esperienze riescono ad agire in maniera così efficace sull’umore come la musica. Almeno per chi vi è sensibile, s’intende.

Quando non sono di umore brillante è raro che una musica scelta con cura non aggiusti qualcosa, magari non risolvendo la questione ma di certo dandole un abbrivio che prelude a migliori prospettive.
Non è però nemmeno di questo che volevo parlare.

Se dovessi riassumere tutti i Pensieri Lunghi a un unico, gigantesco, Pensiero Lungo, credo che avrebbe un solo nome: il tempo.
E poi, a ben pensarci, non è nemmeno il tempo in sé (per quanto poi lo si possa definire univocamente, cosa impossibile) ma tutti i corollari e le dipendenze e le interferenze che porta con sé. Dal punto di vista fisico a quello esistenziale, passando per il filosofico e lo storico.

Il tempo è un concetto astratto – forse il più astratto di tutti – e meno concreto, pervasivo e permeante. Eppure altrettanto sfuggente, non definibile unicamente. Non è la divisione che se ne fa in secondi minuti ore giorni mesi anni, e non è nemmeno un grandezza oggettiva, dato che ognuno lo esperisce diversamente a seconda della fase dell’esistenza che sta vivendo.

Il poterlo misurare dà l’impressione che si tratti di qualcosa di oggettivo mentre ciò che si misura realmente è solo la convenzione del tempo, la misura che l’uomo gli ha storicamente concordato.

Cosa c’entra in tutto ciò la musica?
C’entra perché la musica è l’unica invenzione umana che ha il potere di sconfiggere e dominare il tempo.
La musica lo misura. La musica lo ripete. La musica dà a chi la esegue potere sul tempo. La musica è una forma possibile del tempo, è l’immagine astratta del dominio sul tempo: una volta che è misurato dal linguaggio musicale, il tempo ne è prigioniero. La musica inganna il tempo, servendosene.

L’ascolto di un brano musicale conosciuto attiva il ricordo di un momento del passato in cui si è ascoltata quella musica (la musica è una macchina del tempo). L’esecuzione di una musica “legge il tempo” e lo rivela, denudandolo. La musica è una forma del tempo e, nell’esserlo, lo mostra.
Se la vita è definita da un epilogo che tutti temono, è solo perché si svolge in un tempo, perché ci sono un prima e un dopo, perché esistono i tempi del tempo: passato, presente e futuro.

Per questo la musica – che lo costringe, lo disvela, lo domina – è il più straordinario strumento dell’uomo per controllare ciò che nel resto della vita oltre la musica lo domina: il tempo, appunto.

Perché se il generare la vita è l’unico modo per ingannare la morte, l’unico modo per ingannare il tempo (che è ciò che scrive la morte lungo il percorso che ci porta a lei) è fare musica, e ascoltarla e decidere per lo spazio di un’illusione che del tempo possiamo fare quel che vogliamo. Finché c’è musica.

Tags

More

Altri articoli

Tecnologia

Fra qualche anno non ci ricorderemo nemmeno più come erano nati gli NFT e non li chiameremo più così

Una cosa (divertente, che non farò mai più)

Una notte per locali balneari e feste danzanti può essere maestra di vita? Sì

Il tramonto

Il tramonto piace a tutti e rende chiunque un grande fotografo. O ci piace crederlo

IT