L'elenco telefonico

È un libro ma non è un libro. Cos’è? Un carburatore, forse.

Come ogni libro da che mondo è mondo, l’elenco telefonico ha un inizio e una fine.

 

E questo è un bene, perché per il resto si tratta del libro più noioso che io abbia mai letto. Che abbia una fine è una liberazione più che altro.

 

L’uomo si appassiona a narrazioni che abbiano un inizio e una fine e qualcosa di interessante in mezzo che giustifica che si arrivi a quella fine, generalmente situata alla fine del libro. Altre volte non c’è una fine e allora il lettore ci resta male ma almeno c’è qualcosa prima, una vicenda, dei personaggi, degli intrecci, anche solo dei grafici o dei numeri se il libro non è un romanzo ma un saggio o un libro di testo.

 

Ma che non succeda niente dall’inizio alla fine se non il susseguirsi di nomi, indirizzi e numeri di telefono è francamente intollerabile.

 

Gli unici colpi di scena — se così possiamo definirli — sono dei riquadri di testo in cui succede (nelle modeste intenzione dell’autore) qualcosa di diverso: una pubblicità di un idraulico o delle pompe funebri. Pompe funebri! Ci sarà stato un assassinio, una morte violenta o inattesa! Ecco lo snodo della narrazione, pensi.

 

No, niente. Queste variazioni nella narrazione restano insolute e isolate e non conducono ad alcuno sviluppo della trama. L’assicuratore non è segretamente un serial killer: è solo un assicuratore e quello è il suo numero di telefono e c’è pure l’indirizzo.

 

Non c’è un autore di questo volume trascurabilissimo letterariamente (non fosse per il peso notevole e il numero di pagine) con cui prendersela.
Tra l’altro il formato impiegato è troppo grande e le pagine troppo sottili: leggendolo a letto si piega e collassa su ogni lato, oltre a provocare difficoltà di respirazione dato il cospicuo peso.

 

Giudizio finale: ne sconsigliamo l’acquisto. Ah te lo regalano? E allora come fermaporta un pensierino ce lo farei comunque.

__
Read also:

Insegnare ai robot a mentire

Ian McEwan nel suo ultimo “Macchine come me” si interroga sul senso della vita e sul perché gli automi non saranno mai umani finché non impareranno a mentire

La realtà sospesa

È la terza settimana di quarantena e i giorni della settimana non hanno più un nome

EN

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.